Tanti auguri Anne Hathaway: i migliori film di un’attrice dall’eccezionale talento

Anne Jacqueline Hathaway nasce a New York il 12 novembre del 1982. Un’attrice dal fascino straordinario e di eccezionale talento, cui vogliamo rendere omaggio in occasione del suo quarantesimo compleanno.
La carriera dell’interprete statunitense è costellata da film di grande successo, e spesso Anne è stata protagonista delle stagioni dei premi. La più importante per lei è stata quella del 2013, anno in cui per il ruolo di Fantine in Les Misérables ottenne il Premio Oscar, il Golden Globe e il BAFTA.

Sin dai suoi esordi, la Anne Hathaway è stata in grado di appropriarsi della scena con estrema naturalezza, recitando con personalità anche accanto ad attrici più esperte: pensiamo a Pretty Princess (2001), suo film del debutto, quando rivestì il ruolo di Mia Thermopolis accanto a un’icona come Julie Andrews. Sono poi arrivate le attese conferme in film drammatici e più impegnativi: su tutti certamente I segreti di Brokeback Mountain (2005), nel quale recitò insieme a Heath Ledger, Jake Gyllenhaal e Michelle Williams, con i quali nacque anche una bellissima amicizia. Il ruolo della svolta è stato quello de Il diavolo veste Prada (2006), celebre commedia nella quale Anne è stata protagonista insieme a Meryl Streep.

Da qui in poi, la carriera della Hathaway ha conosciuto un’ascesa inarrestabile: drammi, altre commedie, pellicole d’azione e in costume. Ogni interpretazione è stata unica nel suo genere, tanto da renderla una delle attrici più importanti del panorama internazionale. Riscopriamo dunque i migliori film di Anne Hathaway procedendo in ordine cronologico, in una selezione accurata delle prove attoriali più significative del suo percorso artistico.

1. Pretty Princess (2001)

Perché proprio io?

Perché tu sei l’unico che mi ha notata quando ero invisibile…

La locandina di Pretty Princess

Mia Thermopolis (Anne Hathaway) è un giovane studentessa di San Francisco, alle prese con i classici problemi adolescenziali: la scuola, le schermaglie con le compagne, la cotta per un ragazzo che neppure la considera.

Un giorno, scopre di essere una principessa. Ebbene sì: sua nonna, la regina Clarisse Renaldi (Julie Andrews), che Mia non ha mai conosciuto, le si presenta improvvisamente, comunicandole che è lei la legittima erede al trono del principato europeo di Genovia. Dovrà quindi seguirla e imparare tutte le regole necessarie, affinché riesca ad acquisire un’etichetta perfetta, ma all’insaputa dell’opinione pubblica, almeno inizialmente. Finita in un mondo che non conosce, Mia dovrà cominciare ad apprezzare le severe lezioni ricevute e la vita di palazzo, ma faticherà a lasciare andare definitivamente la sua precedente esistenza. E, come se non bastasse, un imprevisto la farà conoscere a tutta Genovia troppo presto.

Diretto da Garry Marshall, scritto da Gina Wendkos e tratto dai romanzi di Meg Cabot, Pretty Princess rappresenta il debutto cinematografico di Anne Hathaway, in una commedia dai toni estremamente leggeri e per questo dotata di grande leggiadria. Accanto a un’icona come la Andrews, Anne ha perfettamente tenuto la scena, imponendosi come uno dei talenti più cristallini di quel periodo. Il titolo originale del film, The Princess Diaries, è stato cambiato nella versione italiana, ammiccando evidentemente a Pretty Woman, diretto sempre da Marshall nel 1990.

2. I segreti di Brokeback Mountain (2005)

Se tu volessi potrebbe essere così, esattamente così, per sempre.

Anne Hathaway, Ang Lee, Heath Ledger e Jake Gyllenhaal e a Venezia per Brokeback Mountain

Anne Hathaway, Ang Lee, Heath Ledger e Jake Gyllenhaal e a Venezia per Brokeback Mountain

Wyoming, anni ’60. Un ricco allevatore ingaggia due giovani per condurre il suo gregge di pecore fino a Brokeback Mountain. Essi sono Jack Twist, dinamico e impaziente cowboy da rodeo, ed Ennis del Mar, decisamente introverso e dall’animo sensibile. Dopo alterne vicissitudini durante la missione, tra i due uomini, caratterialmente così diversi ma anche con tanti punti in comune, nasce una tenera e inaspettata storia d’amore. Giunto l’inverno, però, dovranno salutarsi: Ennis sposerà la fidanzata Alma, mentre Jack convolerà a nozze con l’eccentrica Laureen. Ma l’amore conosce risvolti inimmaginabili, e tutti loro lo scopriranno presto…

Diretto da Ang Lee, scritto da Larry McMurtry e Diana Ossana e tratto dal racconto di Annie Proulx, I segreti di Brokeback Mountain è una meravigliosa storia imperniata sulla forza inarrestabile dei sentimenti, oltre qualsiasi ostacolo sociale e culturale. Vincitore del Leone d’oro alla Mostra di Venezia del 2005, il film ottenne inoltre tre Oscar (regia, sceneggiatura adattata e colonna sonora) su otto candidature. Cast artistico di prim’ordine: con Anne Hathaway, qui al suo primo ruolo impegnativo (nello stesso anno di Havoc – Fuori controllo), protagonisti anche Jake Gyllenhaal, Michelle Williams e il compianto Heath Ledger. Proprio sul set di Brokeback Mountain, Heath e Michelle si innamorarono e dalla loro relazione nacque la figlia Matilda Rose, il cui padrino al battesimo fu poi lo stesso Gyllenhaal. Idealmente, questo film unisce tutti loro ancora oggi.

Brokeback Mountain: i cowboy innamorati e il paradiso perduto

3. Il diavolo veste Prada (2006)

Un poncho?

Ora tu prendi quello che ti do e te lo fai piacere!

Anne Hathaway e Stanley Tucci ne Il diavolo veste Prada

Anne Hathaway e Stanley Tucci ne Il diavolo veste Prada

New York. Andrea “Andy” Sachs (Anne Hathaway) sta cercando di affermarsi come giornalista, ma non è semplice farsi largo in un settore estremamente affollato. L’occasione sembra arrivare quando ottiene un colloquio per entrare nella rivista di moda Runway, la cui direttrice è la despotica Miranda Priestly (Meryl Streep), temuta tanto dai suoi redattori e collaboratori quanto dalla concorrenza.

Nonostante Andy sia parecchio goffa, non si curi più di tanto del proprio vestiario e non sia un modello di stile, riuscirà a entrare in “Runway”. Completamente coinvolta dal nuovo incarico, deciderà che sia giunto il momento di cambiare sé stessa per adattarsi a quel mondo patinato, nonostante le perplessità del fidanzato e dei suoi amici. Per aiutarla, giungerà in suo aiuto il direttore artistico Nigel (Stanley Tucci), che la renderà un’altra donna rispetto a prima: trucco ricercato, abiti alla moda e portamento saranno gli ingredienti essenziali. La nuova Andy attirerà finalmente l’attenzione di Miranda, che deciderà di metterla alla prova e portarla con sé a Parigi, preferendola all’invidiosa Emily Charlton (Emily Blunt). Qui, Andy rimarrà affascinata dall’attraente giornalista Christian Thompson (Simon Baker), che le prometterà un intrigante futuro lavorativo. Ma ogni scelta ardua, si sa, chiede delle rinunce: Andy sarà davvero pronta ad abbandonare il passato per abbracciare il nuovo mondo?

Anne Hathaway e Meryl Streep ne Il Diavolo veste Prada

Anne Hathaway e Meryl Streep ne Il Diavolo veste Prada

Diretto da David Frankel, scritto da Aline Brosh McKenna e tratto dal romanzo di Lauren Weisberger, Il diavolo veste Prada è una delle commedie più importanti dell’ultimo ventennio, in grado di omaggiare il cinema classico attraverso uno stile innovativo. Cast artistico straordinario, dal quale spicca la coppia formata da Meryl Streep (candidata all’Oscar e al BAFTA e vincitrice del Golden Globe) e da Anne Hathaway, che regge agevolmente il confronto con la leggendaria e più esperta compagna di scena. Il film ebbe un clamoroso successo al botteghino: a fronte di un budget di circa 35 milioni di dollari, gli incassi superarono i 326 milioni in tutto il mondo.

4. Becoming Jane – Il ritratto di una donna contro (2007)

Ironia è il mettere insieme verità contraddittorie per accogliere una nuova verità con un sorriso o una risata.

Una bella immagine di Anne Hathaway, protagonista di Becoming Jane - il ritratto di una donna contro

Una bella immagine di Anne Hathaway, protagonista di Becoming Jane – il ritratto di una donna contro

Regno Unito. Verso la fine del Settecento, Jane Austen (Anne Hathaway) è una giovane scrittrice, dotata di grande arguzia e capace di valutare con il proprio punto di vista la realtà circostante, nonostante la società della quale fa parte vorrebbe relegare le donne a un ruolo marginale, senza concedere loro la possibilità di emanciparsi. Ma Jane non può accettarlo. Sogna anzi di compiere un atto rivoluzionario: sposarsi per amore, senza che nessuno scelga per lei.

La sua famiglia, infatti, vorrebbe farla convolare a nozze con un marito che abbia ricchezza e buona posizione sociale, e la scelta sarebbe ricaduta sul signor Wesley (Laurence Fox), nipote dell’aristocratica Lady Gresham (Maggie Smith). Ma Jane respinge la possibilità, prendendo più tempo che riesca. Nel frattempo, appare nella sua vita l’avvocato londinese Tom Lefroy (James McAvoy), che non ha certo le risorse economiche che gli Austen reclamano per loro figlia. Ma quando tra Jane e Tom scoccherà la scintilla, sarà solo l’inizio di una lotta silenziosa contro le convenzioni sociali…

Diretto da Julian Jarrold e scritto da Kevin Hood e Sarah Williams, Becoming Jane – Il ritratto di una donna contro è un elegante film biografico, che trae ispirazione dalle lettere e dai manoscritti dell’autrice britannica, una delle icone della sua epoca per il coraggio e l’audacia che ebbe nello sfidare tradizione ed etichetta. Ma Jane Austen fu ovviamente di più: una scrittrice immensa, qui impersonata magnificamente da Anne Hathaway, che si misurava per la prima volta come protagonista di un biopic.

5. Rachel sta per sposarsi (2008)

La misura di una vita bella non è data da quanto tu sia amato, ma da quanto amore sei riuscito a dare.

Anne Hathaway in una sequenza del film Rachel Getting Married

Anne Hathaway in una sequenza del film Rachel Getting Married

Kym (Anne Hathaway) è un’adolescente allo sbando, in preda all’utilizzo di stupefacenti. Una sera, mentre si trova con suo fratello Ethan in auto ed è sotto l’effetto della droga, ha un terribile incidente, nel quale il ragazzo perde la vita. Nonostante il senso di colpa inizi a divorarla e non riesca a superare il dolore per quanto accaduto, Kym prosegue a rimanere nel tunnel nel quale è da tempo precipitata. Dopo aver trascorso molto tempo in una clinica per tentare di disintossicarsi, fa ritorno nella sua città in occasione del matrimonio di sua sorella Rachel (Rosemarie De Witt), con la quale non ha mai avuto un buon rapporto, così come con sua madre. Dopo averle riviste, i vecchi rancori torneranno a emergere: si rinfacceranno le colpe della morte di Ethan. Ma Kym sa che non può andare avanti così e, forse per la prima volta, maturerà la consapevolezza che sia giunto il momento di cambiare…

Diretto da Jonathan Demme e scritto da Jenny Lumet, Rachel sta per sposarsi è un film dalle tematiche molto profonde, che si sviluppa in un contesto decisamente drammatico. Grazie all’intensa interpretazione in questo ruolo, Anne Hathaway ha ottenuto le sue prime candidature all’Oscar, al Golden Globe e al SAG Award, affermandosi definitivamente come una tra le giovani attrici più in vista a Hollywood.

Anne Hathaway a Cannes 2022: “Mia suocera era la mia eroina, la miglior madre che io abbia mai incontrato”

6. Amore & altri rimedi (2010)

Avrò più bisogno io di te che tu di me.

Anne Hathaway e Jake Gyllenhaal, protagonisti di Love and Other Drugs

Anne Hathaway e Jake Gyllenhaal, protagonisti di Love and Other Drugs

Pittsburgh, 1996. Jamie Randall è uno straordinario seduttore. Essere andato a letto con la moglie del suo capo, però, gli costa l’impego presso un negozio di elettronica. Ma Jamie non è tipo da arrendersi facilmente e, grazie all’aiuto di suo fratello Josh, ottiene di diventare rappresentante farmaceutico.

La sua sfacciataggine gli farà avere successo anche in questo settore: convincerà medici a prescrivere i farmaci dell’azienda per cui adesso lavora, e sembra non avere problemi nemmeno di fronte alla più ardue difficoltà. Un giorno, però, tutto cambia: Jake incontra in un ospedale Maggie Murdock, un’affascinante ragazza affetta dal morbo di Parkinson a uno stadio iniziale. Dopo un approccio del tutto particolare, tra i due nasce un’attrazione che prestò diventerà amore. Ma le difficoltà legale alla malattia della ragazza si frapporranno tra i due come un ostacolo da superare…

Diretto da Edward Zwick, scritto dal regista con Charles Randolph e Marshall Herskovitz e tratto dal romanzo di Jamie Reidy, Amore & altri rimedi è una deliziosa commedia drammatica che affronta argomenti molto importanti con uno stile originale, anche grazie alle interpretazioni eccezionali di Anne Hathaway e Jake Gyllenhaal, per la seconda volta insieme sul set dove si rivelarono estremamente complici. Il loro rapporto, infatti, era consolidato anche nella vita privata già dai tempi di Brokeback Mountain. Per l’occasione vennero entrambi candidati al Golden Globe.

7. One Day (2011)

Qualsiasi cosa accada domani, viviamo oggi… non lo dimenticare mai.

Sturgess e Hathaway in una sequenza del romantico One Day

Sturgess e Hathaway in una sequenza del romantico One Day

Nel 1988, nel giorno della loro laurea, Emma Morley e Dexter Mayhew avviano un’amicizia del tutto straordinaria. Nonostante profonde differenze di carattere e di visione delle cose (lei è una sognatrice e spera di aiutare gli altri, lui è decisamente meno attento alle grandi questioni della vita), si ritroveranno continuamente, senza mai riuscire ad afferrarsi l’un l’altro. Dopo venti anni, e dopo aver vissuto i momenti cruciali della loro esistenza, capiranno che ciò che cercavano era lì, pronto ad essere agguantato.

Diretto da Lone Scherfig e scritto da David Nicholls (che ha tratto l’adattamento dal suo romanzo), One Day è un film di estrema delicatezza ma per molti versi straziante. Racconta la storia di un amore così vicino, ma anche irraggiungibile come è la vera felicità. Fa inoltre riflettere sulle occasioni che la vita propone e che spesso non vengono colte, per varie ragioni. Ma narra anche di quel filo sottile che può unire due persone per sempre, oltre ogni avversità. Magnifiche le interpretazioni della coppia composta da Anne Hathaway e da Jim Sturgess. Da ricordare anche la struggente colonna sonora di Rachel Portman.

8. Il Cavaliere Oscuro – Il Ritorno (2012)

Sta arrivando una tempesta, signor Wayne. È meglio che lei e i suoi amici vi prepariate al peggio, perché quando arriverà… vi chiederete come avete potuto pensare di vivere così alla grande, lasciando così poco per tutti noi.

Christian Bale e Anne Hathaway danzano insieme una scena di Il cavaliere oscuro - Il ritorno

Christian Bale e Anne Hathaway danzano insieme una scena di Il cavaliere oscuro – Il ritorno

Dopo l’approvazione delle misure di contrasto alla criminalità che portano la firma del procuratore distrettuale Harvey Dent, Gotham è adesso una città sotto controllo. Batman aveva assunto su di sé il peso della morte di Dent, inevitabile dopo che quest’ultimo era stato spinto dal Joker a volgersi verso il male, lasciando dietro di sé una scia di omicidi. Bruce Wayne ha così riposto armi, costume e mezzi nella caverna del suo maniero, chiudendosi nel rimorso per aver perso Rachel e lasciando che fosse la giustizia civile e non più Batman ad estirpare la violenza dalle strade. Ma la bugia sulla quale si regge l’effimera tranquillità di Gotham non potrà proseguire a lungo.

Una minaccia incombente avanza dai bassifondi della metropoli: quella di Bane, un folle terrorista che attacca i punti nevralgici del potere costituito puntando a far uscire Batman nuovamente allo scoperto. Nel frattempo, anche il detective John Blake è sulle tracce del Cavaliere Oscuro, preoccupato dalle condizioni nelle quali versa la parte povera di Gotham, sempre più in crisi. A sparigliare le carte potrebbe però essere la magnetica Selina Kyle, un’affascinante ladra in cerca di riscatto e redenzione.

Prima foto di Anne Hathaway nei panni di Selina Kyle/Catwoman in The Dark Knight Rises

Prima foto di Anne Hathaway nei panni di Selina Kyle/Catwoman in The Dark Knight Rises

Diretto da Christopher Nolan e scritto dal regista con il fratello Jonathan, Il Cavaliere Oscuro – Il ritorno è il terzo capitolo della trilogia firmata dal regista britannico. Un finale spettacolare che ha consegnato il Vigilante di Gotham alla leggenda, come non era mai accaduto in nessun’altra opera cinematografica dedicata al supereroe. Cast artistico composto da Christian Bale, Michael Caine, Gary Oldman, Tom Hardy, Marion Cotillard, Morgan Freeman e, ovviamente, da Anne Hathaway, nel ruolo di Selina Kyle. Una Catwoman determinata, sfuggevole e seducente, qui straordinariamente interpretata dall’attrice newyorkese, che ha percorso la propria strada rispetto all’iconica Michelle Pfeiffer di Batman – il ritorno e ha disegnato il personaggio secondo le proprie peculiarità. E il risultato è stato semplicemente sensazionale.

Il cavaliere oscuro – Il ritorno: i 10 anni di un controverso gran finale

9. Les Misérables (2012)

I dreamed a dream in times gone by… When hope was high and life worth living…

Hugh Jackman soccorre Anne Hathaway in una scena di Les Misérables

Hugh Jackman soccorre Anne Hathaway in una scena di Les Misérables

Francia, 1815. Jean Valjean (Hugh Jackman) viene rilasciato dopo un’ingiusta e lunga condanna. Durante la prigionia, è stato puntato dalla guardia carceraria Javert (Russell Crowe), che in Jean non ha mai riposto simpatia. Tornato in libertà, Valjean troverà ospitalità presso il monastero di Monsignor Myriel, al qual sottrarrà furtivamente l’argenteria, senza però riuscire a fuggire. Di fronte alla polizia, Myriel salverà però Jean, intuendo la sua bontà d’animo: da quel giorno, Valjean prometterà a sé stesso di diventare una persona migliore. Assumerà una nuova identità e si farà chiamare Monsieur Madeleine.

Otto anni dopo, Valjean/Madeleine è diventato un sindaco e imprenditore. Un giorno, una delle operaie della sua fabbrica, Fantine (Anne Hathaway), verrà licenziata solo perché giudicata dalle altre bigotte, essendo madre di una bambina pur senza essere sposata. Sua figlia, Cosette, vive con i malvagi locandieri Thénardier (Helena Bonham Carter e Sacha Baron Cohen), che la maltrattano. Per cercare di portarla via, Fantine arriverà a prostituirsi, finché non si ammalerà gravemente. Sarà proprio Valjean, che nel frattempo tentava di aiutare la donna, a prendere con sé la bambina.

A distanza di anni, nel 1832, Cosette (Amanda Seyfried) è divenuta una bellissima ragazza, e vuole molto bene al suo padre adottivo. Nel frattempo, però, una minaccia incombe su Valjean, sulle cui tracce è tornato Javert, adesso ispettore di polizia impegnato anche nel contrasto ai moti rivoluzionari in atto a Parigi…

Anne Hathaway è Fantine in Les Misérables

Anne Hathaway è Fantine in Les Misérables

Diretto da Tom Hooper, scritto da William Nicholson, Helbert Kretzmer con Alain Boublil e Claude-Michel Schönberg, i quali hanno adattato il capolavoro letterario di Victor Hugo in un musical teatrale al quale il film si ispira, Les Misérables è uno straordinario affresco che si impernia sulle splendide scenografie e sul talento del cast artistico il quale, nonostante non annoveri nessun cantante professionista, si è disimpegnato magnificamente nei numerosi momenti musicali, che si aggiungono alla narrazione della storia. Su tutti, spiccano proprio Hugh Jackman, Russell Crowe e, ovviamente Anne Hathaway, che si è letteralmente trasfigurata per il sofferto ruolo di Fantine. Un’interpretazione intensa, sentita, coinvolgente, che trova il suo punto più drammatico nella sequenza in cui Anne canta I dreamed a dream, attraverso la quale la donna ricorda i tempi andati, quando lei sperava in una esistenza felice e leggera: un sogno che svanisce di fronte alla disperazione della sua condizione attuale, dove per sfamare sua figlia e sé stessa è arrivata a vendere i propri capelli, e non riesce più a immaginare un futuro, e con esso i desideri che aveva da giovane.

Avete presente quel momento in cui, ammirando un’attrice in un passaggio di un film, viene da pensare “è da Oscar”? Con I dreamed a dream accade esattamente questo. La prova eccezionale di Anne Hathaway è quella che l’ha definitivamente consacrata: l’Award Season 2013 l’ha vista vincere Premio Oscar, Golden Globe, BAFTA, SAG e una miriade di altri riconoscimenti come miglior attrice non protagonista. Il talento dell’attrice newyorkese è stato così finalmente suggellato.

10. Interstellar (2014)

L’amore è l’unica cosa, che riusciamo a percepire, che trascenda dalle dimensioni di tempo e spazio. Forse di questo dovremmo fidarci, anche se non riusciamo a capirlo ancora.

Interstellar: Matthew McConaughey al fianco di Anne Hathaway in un momento del film

Interstellar: Matthew McConaughey al fianco di Anne Hathaway in un momento del film

In un prossimo futuro, l’umanità rischia l’estinzione sulla Terra. Il pianeta ha ormai esaurito la propria capacità di offrire le risorse necessarie all’agricoltura per garantire le scorte alimentari alle generazioni future. Inoltre, il clima è irrimediabilmente rovinato, e renderà impossibile la stessa sopravvivenza nel medio periodo. È la consapevolezza che ha anche Cooper, ex pilota spaziale oggi dedito alla coltivazione del mais. Quando, per una serie di eventi, la NASA riesce a rimettersi in contatto con lui, Cooper decide che è il momento di indossare nuovamente casco e tuta e affrontare, insieme ad una squadra di scienziati, un viaggio interstellare alla ricerca di nuovi mondi abitabili, che saranno la nuova casa dell’umanità. Ma per tentare l’impresa, Cooper dovrà lasciare i suoi figli sulla Terra, in particolare la piccola e intraprendente Murph, la quale ha preso da suo padre la curiosità su ciò che compone l’universo.

Diretto da Christopher Nolan e scritto dal regista britannico insieme al fratello Jonathan, Interstellar è una delle opere più ambiziose e significative del panorama contemporaneo. Se dal punto di vista strettamente cinematografico il film racchiude tutto lo straordinario talento di Nolan (alcune sequenze sono già scolpite nell’immaginario collettivo, suggellate dalla colonna sonora di Hans Zimmer), sul piano fantascientifico Interstellar sembra aver anticipato i tempi rispetto alle ultime scoperte sui buchi neri. Il film, oltretutto, si avvale delle teorie generali della relatività e focalizza l’attenzione su un aspetto in particolare: il trascorrere del tempo. Sulla Terra noi abbiamo la percezione di come esso ci avvolga e ci accompagni, lo possiamo anche misurare: ma cosa accade all’interno di un buco nero, oltre di esso, magari in un’altra galassia?

Interstellar: Anne Hathaway impegnata in un recupero in mare in una scena del film

Interstellar: Anne Hathaway impegnata in un recupero in mare in una scena del film

Interstellar considera come la relatività determini un differente scorrimento del tempo, più lento altrove (ma chissà, dove) rispetto a quanto progredisca nel nostro sistema solare: un aspetto fondamentale che condizionerà i destini dei protagonisti del racconto. Il cast include Matthew McConaughey, Anne Hathaway, Jessica Chastain, Michael Caine, Casey Affleck, John Lithgow, Ellen Burstyn, Mackenzie Foy e Timothée Chalamet.

Il ruolo di Anne, in particolare, è quello della dottoressa Amelia Brand, che partirà con Cooper, altri due colleghi della NASA e due robot ultra-intelligenti (TARS e CASE) alla volta dell’esplorazione dell’universo. In quanto scienziata, Amelia crede fermamente nelle teorie appurate dalla ricerca e nella realtà tangibile; ma il suo animo gentile la spinge anche a credere nei sentimenti e nell’amore che unisce le persone e che, sebbene non si riesca a osservare con nessuno strumento, può collegarle anche a dispetto delle distanze spazio-temporali. Un altro bellissimo personaggio nella carriera dell’attrice, qui in scena con l’amica Jessica Chastain, sebbene nel film di fatto non si incrocino mai.

Interstellar: Quando il finale mette in mostra i difetti di Nolan

11. Lo stagista inaspettato (2015)

È in momenti come questo che hai bisogno di qualcuno su cui sai di poter contare.

Lo stagista inaspettato: Anne Hathaway e Christina Scherer in una scena del film

Lo stagista inaspettato: Anne Hathaway e Christina Scherer in una scena del film

Ben Whittaker è un pensionato settantenne, rimasto vedovo. Non sa come passare le giornate: perché, allora, non cercare un altro lavoro? Un giorno, Ben scopre che un’azienda di Brooklyn, la quale vende abbigliamento online, sta cercando degli stagisti esperti, che possano ricoprire mansioni non faticose pur senza pretendere avanzamenti di carriera. Così decide di presentarsi e, superato il colloquio, viene assegnato alle dipendenze della direttrice e fondatrice della compagnia, Jules Ostin. La donna però è estremamente indaffarata, tanto da non avere mai tempo nemmeno per il marito e la figlia: l’uomo ha così deciso di rinunciare al lavoro e occuparsi lui della bambina a tempo pieno.

Nel frattempo, in breve tempo Ben riesce a conquistare tutti in azienda, in particolare i più giovani impiegati, che iniziano a prendere esempio da lui per affidabilità e dedizione. Anche Jules, che invece finora non aveva prestato troppa attenzione al nuovo stagista, non potrà non notare la professionalità e il garbo di Ben, che diverrà il miglior consigliere e amico che la donna potesse immaginare di avere, soprattutto nei momenti difficili…

Lo stagista inaspettato: Anne Hathaway e Robert De Niro in una scena del film

Lo stagista inaspettato: Anne Hathaway e Robert De Niro in una scena del film

Scritto e diretto da Nancy Meyers, Lo stagista inaspettato è un’opera brillante, che si ispira molto allo stile della commedia americana anni Novanta, della quale la stessa regista è una delle migliori rappresentanti. La coppia composta da Anne Hathaway e Robert De Niro funziona magnificamente, e i loro duetti valgono davvero il prezzo del biglietto. Dopo alcuni ruoli molto impegnativi, questo film è stato per Anne un necessario momento di rilassamento, con il quale ha però aggiunto un tassello molto significativo alla propria carriera.

12. Colossal (2016)

Stiamo guardando qualcosa che cambierà il corso della storia.

Anne Hathaway e Jason Sudeikis in Colossal

Anne Hathaway e Jason Sudeikis in Colossal

Gloria (Anne Hathaway) è una scrittrice in difficoltà con il lavoro e con problemi di alcolismo. In seguito alla separazione dal suo fidanzato è costretta a lasciare casa: così, decide di abbandonare New York e tornare nel New England, lì dove è cresciuta. Qui incontrerà Oscar (Jason Sudeikis), suo migliore amico dell’infanzia, che adesso gestisce il locale che il padre gli ha lasciato. Trascorrere tante ore in un bar, però, non farà che peggiorare la situazione di Gloria.

Nel frattempo, tra le strade di Seul appare uno strano e spaventoso rettile gigante, che sta terrorizzando tutta la città. Senza esserne esattamente consapevole, Gloria inizierà ad avere la percezione che tutte le sue azioni, spinte dai fumi dell’alcol e quindi spesso fuori controllo, in realtà coincidano con quelle della misteriosa creatura. Preoccupata da tale sensazione, si confiderà con Oscar il quale, mentre sta entrando in un parco giochi per aiutarla, farà apparire un enorme robot. E se entrambi fossero soggiogati da qualcosa più grande di loro?

Diretto e scritto da Nacho Vigalondo, Colossal è un film estremamente particolare, che affronta diverse tematiche con uno stile originale. Un film che denota l’audacia artistica di Anne Hathaway, che non ha mai temuto di lanciarsi in progetti alternativi a quelli mainstream. In questo caso, la prova è stata ampiamente superata.

Gli anni recenti e i prossimi lavori

Una candida Anne Hathaway in una scena di Alice in Wonderland di Tim Burton

Una candida Anne Hathaway in una scena di Alice in Wonderland di Tim Burton

Tra i film finora citati, non abbiamo menzionato Alice in Wonderland (2010) e Alice attraverso lo specchio (2016), nei quali Anne interpreta Mirana, la Regina Bianca. Ottimo successo commerciale il primo, meno riuscito il secondo. Negli ultimi anni, la Hathaway si è dedicata a diverse produzioni più commerciali, come Ocean’s 8 (2018), Serenity – L’isola dell’inganno (2019), qui ancora in coppia con Matthew McConaughey, Attenti a quelle due (2019) e Le streghe (2020), per la regia di Robert Zemeckis.

Armageddon Time, la recensione: l’ora di diventare grandi

Da ricordare anche il drammatico Cattive acque (2019), film diretto da Todd Haynes con Mark Ruffalo protagonista, il poco convincente Il suo ultimo desiderio (2020) e l’invece interessante Locked Down (2020). Diretto da Doug Liman e con Chiwetel Ejiofor co-protagonista, la pellicola è stata girata subito dopo l’esplosione della pandemia internazionale, quasi completamente in luoghi al chiuso e con un soggetto che univa fantasia alla triste realtà di quei giorni.

Armageddon Time 1 Tropzvr

Una scena tratta da Armageddon Time

Al Festival di Cannes 2022 è stato presentato Armageddon Time – Il Tempo dell’Apocalisse, film autobiografico di James Gray che vedremo nelle sale italiane nel marzo 2023, in cui Anne ha recitato insieme ad Anthony Hopkins, Jeremy Strong, Jaylin Webb e il giovane Michael Banks Repeta. Attualmente, Anne è impegnata in diversi nuovi progetti: Eileen, per la regia di William Oldroyd; She Came To Me, dove verrà diretta da Rebecca Miller; Mothers’ Instinct, per la regia di Benoît Delhomme e nel quale tornerà a recitare con Jessica Chastain. È stato inoltre annunciato The Idea of You, film che verrà diretto da Michael Showalter, tratto dal romanzo di Robinne Lee. Siamo certi che vedremo una Anne Hathaway come sempre straordinaria.

Tanti auguri Anne Hathaway: i migliori film di un’attrice dall’eccezionale talento